Idropulsori per la pulizia dei denti: quali i migliori contro l’alito cattivo?

1
2
3
4
5
Oral-B 5000 Oxyjet Smart Oral Center - Spazzolino Elettrico e Idropulsore Oxyjet con 4 Testine, 6...
Idropulsore Dentale Portatile Uvistare,5 Modalità 6 Ugelli di Ricambio Irrigatore Orale 300 ml...
Oral-B Waterjet Sistema Pulente con Idropulsore e 4 Testine Waterjet, Pressione regolabile
Idropulsore Dentale Professionale,Homgeek Irrigatore Orale Getto Acqua Denti da Capacità 600ml...
Oral-B Oxyjet Sistema Pulente con Idropulsore con 4 Testine
Oral-B 5000 Oxyjet Smart Oral Center - Spazzolino Elettrico e Idropulsore Oxyjet con 4 Testine, 6...
Idropulsore Dentale Portatile Uvistare,5 Modalità 6 Ugelli di Ricambio Irrigatore Orale 300 ml...
Oral-B Waterjet Sistema Pulente con Idropulsore e 4 Testine Waterjet, Pressione regolabile
Idropulsore Dentale Professionale,Homgeek Irrigatore Orale Getto Acqua Denti da Capacità 600ml con...
Oral-B Oxyjet Sistema Pulente con Idropulsore con 4 Testine
9.2
9.2
9
9
8.4
Oral-B
Uvistare
Oral-B
homgeek
Oral-B
159,90 €da 120,00 €
59,99 €34,99 €
89,10 €41,99 €
39,99 €35,95 €
94,50 €54,50 €
Oral-B 5000 Oxyjet Smart Oral Center - Spazzolino Elettrico e Idropulsore Oxyjet con 4 Testine, 6...
Oral-B 5000 Oxyjet Smart Oral Center - Spazzolino Elettrico e Idropulsore Oxyjet con 4 Testine, 6...
9.2/10
159,90 €da 120,00 €
Idropulsore Dentale Portatile Uvistare,5 Modalità 6 Ugelli di Ricambio Irrigatore Orale 300 ml...
Idropulsore Dentale Portatile Uvistare,5 Modalità 6 Ugelli di Ricambio Irrigatore Orale 300 ml...
9.2/10
59,99 €34,99 €
Oral-B Waterjet Sistema Pulente con Idropulsore e 4 Testine Waterjet, Pressione regolabile
Oral-B Waterjet Sistema Pulente con Idropulsore e 4 Testine Waterjet, Pressione regolabile
9/10
89,10 €41,99 €
Idropulsore Dentale Professionale,Homgeek Irrigatore Orale Getto Acqua Denti da Capacità 600ml con...
Idropulsore Dentale Professionale,Homgeek Irrigatore Orale Getto Acqua Denti da Capacità 600ml...
9/10
39,99 €35,95 €
Oral-B Oxyjet Sistema Pulente con Idropulsore con 4 Testine
Oral-B Oxyjet Sistema Pulente con Idropulsore con 4 Testine
8.4/10
94,50 €54,50 €

Quello dell’alito cattivo, come ben sappiamo, è un problema che colpisce moltissime persone causando non pochi disagi. Per risolvere in maniera definitiva il problema dobbiamo ricercare la sua radice e trovare una soluzione definitiva che la estirpi. L’idropulsore, in questo caso, può rivelarsi un’ottima soluzione per far fronte a questo imbarazzante problema. Ma come può aiutarci? Come mai l’alito è cattivo? Insieme vedremo le cause più comuni e vari modi e strumenti per risolvere una volte per tutte questa problematica.

Alito cattivo: perché succede?

Di solito le cause dell’alito cattivo sono quattro:

  1. Pezzi di cibo: non sempre essi possono essere rimossi tramite lo spazzolino. La loro permanenza in bocca, naturalmente, fa proliferare un gran numero di batteri che rilasciano cattivi odori. Il problema, normalmente, risiede nell’accumulo di cibo tra dente e dente.
  2. Scarsa igiene orale: placca, batteri e gengive irritate possono causare l’alito cattivo. Tutto questo succede quando l’igiene orale è scarsa o non praticata nella maniera corretta. L’alito cattivo è la più stretta conseguenza.
  3. Fumo e tabacco: nicotina e catrame causano l’alito cattivo.
  4. Malattie: contribuiscono alla creazione dell’alito cattivo. Alcuni esempi sono le malattie del tratto gastrointestinale e il diabete.

Se sulle malattie e il fumo non possiamo fare niente, possiamo però intervenire sulle prime due cause ed eliminarle totalmente. Per farlo possiamo utilizzare, naturalmente, un idropulsore adeguato che magari possieda numerose funzioni diverse, dotato di beccucci appositi.

La lingua e l’alitosi

Non sono solo denti e gengive a causare i numerosi casi di alitosi. Spesso anche la lingua ha un ruolo fondamentale e andrebbe spazzolata accuratamente per eliminare l’eccedenza batterica di composti solforati volatili, i principali colpevoli dell’alito cattivo. Il processo è molto semplice: si riduce la presenza di saliva e questo consente ai batteri di attuare un processo di decomposizione nei confronti dei pezzi di cibo, scatenando gas dall’odore tutt’altro che piacevole. Quando la lingua perde il suo naturale colore rosa accesso-rosso e si ricopre di una patina bianca allora significa che siamo di fronte a un problema che potrebbe causare l’alito cattivo. Anche in questo caso l’idropulsore può aiutarci e pulire la lingua da tutti i residui di placca e batteri tramite un apposito beccuccio inseribile e studiato appositamente per questo scopo.

Un’altra soluzione: i pulisci lingua

Per pulire al meglio la lingua possiamo usare anche dei particolari strumenti, definiti pulisci lingua. Dato che essa rappresenta una zona davvero molto complicata e che i batteri tendono naturalmente a proliferare anche in caso di una buona igiene orale, i pulisci lingua possono essere un aiuto in più contro l’alito cattivo. Questi strumenti sono dotati di un cavo, solitamente in rame, acciaio chirurgico o plastica, che serve per raschiare accuratamente la lingua. Alcuni modelli hanno l’impugnatura simile a quella dello spazzolino, altri invece possiedono una doppia impugnatura da tenere con due mani, un po’ più scomodo ma ugualmente efficace.

I migliori idropulsori per risolvere il problema dell’alito cattivo

Partiamo dal presupposto che l’idropulsore, da solo, non basta. L’igiene orale deve essere accurata e attuata tramite lo spazzolino, un dentifricio che sia di una buona marca e dotato di sostanze utili, il collutorio, il filo interdentale e l’idropulsore, possibilmente dotato di diverse testine e (volendo) il pulisci lingua. A questo punto non ci resta che rispondere alla domanda fondamentale: quale idropulsore scegliere per avere un alito fresco? Che requisiti deve possedere per risolvere totalmente il problema?

Innanzitutto partiamo col dire che un idropulsore dotato di accessori appartiene normalmente a una fascia di prezzo medio-alta (a proposito, vuoi sapere quanto costa?). Più si alza il prezzo più è garantita la presenza di accessori utili per il nostro scopo. Se non ci possiamo permettere un idropulsore di lusso, possiamo comunque migliorare la situazione anche con un idropulsore senza accessori, stando attenti a usarlo con attenzione per rimuovere tutti i residui di cibo. Il trucco non sta tanto nell’apparecchio, quanto nell’accuratezza dell’utilizzarlo, soprattutto in combinazione con tutti gli ausili citati in precedenza. L’attenzione per l’igiene orale sarà la nostra cura, non tanto quello che decidiamo di utilizzare ma il modo in cui lo utilizziamo. Certo, un apparecchio dotato di un beccuccio per la lingua può semplificarci le cose ma possiamo tranquillamente fare anche senza.

Prova a immaginare: compriamo un idropulsore ultra accessoriato ma lo utilizziamo due o tre volte a settimana, facendo a meno del filo interdentale e lavando i denti una volta al giorno. A cosa servirebbe? A nulla probabilmente e si rivelerebbe una spesa del tutto inutile e superflua. Se, invece, ne acquistiamo uno di fasci economica, lo utilizziamo due o tre volte al giorno insieme con il filo interdentale e laviamo i denti tre volte al giorno, risolviamo facilmente il nostro problema.

Quindi non importa più di tanto il modello che scegliamo, la cosa essenziale è la costanza nel lavare approfonditamente i denti.

Gli idropulsori portatili o da viaggio e altri consigli

Se il nostro problema di alito cattivo ci causa numerosi disagi, soprattutto dopo aver mangiato o quando siamo in giro, possiamo optare anche per l’acquisto di un piccolo idropulsore da viaggio, da tenere in borsa e da utilizzare quando siamo fuori. Questo potrebbe aiutarci a rimuovere velocemente i pezzi di cibo incastrati tra i denti dopo un pasto e ad avere un alito sempre fresco, in qualunque occasione. Naturalmente è da abbinare con uno spazzolino portatile, quindi prima si lavano in maniera normale i denti e poi si passa il mini idropulsore.

Altri consigli per migliorare l’alito:

  • Ridurre il numero di sigarette fumate
  • Evitare di rimanere per lunghi periodi di tempo a stomaco vuoto
  • Bere tanta acqua
  • Masticare foglioline di menta oppure gomme da masticare senza zucchero (che rovina eccessivamente i denti, migliorando l’alito ma nutrendo a sazietà i batteri della bocca) per prevenire la bocca secca
  • Evitare cibi troppo pesanti o speziati, e naturalmente le cipolle e l’aglio che impiegano l’alito del loro odore

Quando non preoccuparsi dell’alito cattivo

Ogni tanto succede a tutti di avere l’alito cattivo e, in generale, non c’è nulla di cui preoccuparsi. Anche l’alitosi mattutina è perfettamente normale ed è dovuta alla limitazione dei movimenti della bocca durante la notte e alla naturale proliferazione dei batteri. In questo caso non c’è nessun problema e basta lavare i denti appena svegli per risolvere la questione. Se, invece, nonostante tutti i consigli e gli accorgimenti il problema persiste ci si può recare dal proprio dentista che, tramite una visita accurata e alcuni test, saprà trovare la causa scatenante e risolvere il problema.

Back to top
Scelta Idropulsore